• Luciano Zuccaccia

Come preparare i files di stampa delle vostre foto

4 chiacchiere con Lisa Farinati di Faservice ed un file pdf scaricabile con tutti i consigli per impostare correttamente i parametri di stampa delle voste immagini.


Assistiamo ad un aumento dell’interesse per il libro fotografico e molti fotografi si avvicinano alla produzione del proprio libro fotografico in maniera autonoma, questo è un settore in espansione grazie anche alla possibilità di stampare in digitale con basse tirature. Conosco i vostri prodotti che si distinguono per l’ottima qualità e vorrei capire quali sono le strategie della FASERVICE per inserirsi in questo settore?


Per rispondere a questa domanda devo fare un passo indietro nel tempo di ben 5 anni; ricordo l’incontro illuminante con una fotografa (Paola Fiorini) che di fatto si occupa proprio di lavori autoriali all’interno di un collettivo fotografico.


L’occasione è stata proprio la stampa del primo libro di Paola a tiratura di soli 20 pezzi! Mi ricorderò sempre la sua faccia quando sono uscite le prime prove di stampa: mi ha guardata e, visto che siamo anche amiche, sorridendo mi dice:


“Lisa sai che tu e la tua azienda avete il mezzo giusto nel momento storico giusto perché il libro fotografico d’autore è un trend in crescita?”.

Prima di quell’episodio il nostro mercato era principalmente il mondo dei cataloghi (di moda, dei prodotti di lusso, del food, del mobile…) dove l’immagine è sostanzialmente quella patinata, perfetta e super accattivante dell’advertising.  Paola mi ha accompagnata per mano nel mondo della fotografia d’autore, un mondo di nicchia che ammetto non conoscevo, ma affascinante perché, ormai posso sbilanciarmi a dirlo, è con alcuni autori che ho scoperto che la fotografia è un linguaggio che va rispettato.


Da allora è stato un passaparola continuo, come continuo è stato il nostro crescere assieme a questi fotografi, noi ci mettevamo l’esperienza tecnica e loro la creatività. Alcuni lavori sono stati delle vere e proprie sfide ma, il risultato finale e la soddisfazione dell’autore, ha ripagato tutti gli sforzi fatti.


La nostra strategia è ascoltare le richieste del cliente, scegliere assieme tutti quei dettagli che sottolineano a avvalorano nel modo giusto il messaggio contenuto nelle foto.


Il libro fotografico si è rinnovato, non solo luogo per le immagini ma oggetto che comunica il racconto attraverso un’esperienza  globale, sensoriale. Cosa vi sentite di consigliare ad un possibile cliente che vorrebbe realizzare una propria pubblicazione?


Ogni immagine ha necessariamente bisogno di un supporto ottimale che renda giustizia a ciò che il fotografo vede, per i file digitali ci deve essere massima corrispondenza tra la versione vista sullo schermo del fotografo e il supporto che ospiterà l’immagine.


Nel caso del libro si tratta della carta che è un mondo vastissimo dove poter veicolare al meglio il sapore giusto a certe immagini. Immagini morbide e rarefatte, oppure un bianco nero dove il contrasto è portato all’estremo? In ogni caso queste immagini devono essere stampate non solo rispettando il bilanciamento cromatico ma devono anche poter emozionare l’autore stesso.

Il primo consiglio che darei quindi all’autore è di porre l’attenzione alla scelta della carta giusta.

Quali sono i comuni errori che commettono i clienti e  cosa vi sentite di consigliare?


L’errore più comune è quello relativo alla chiusura del file pdf: spesso ci troviamo file con la profilazione sbagliata, l’assenza delle abbondanze  (l’abbondanza è quella parte di grafica, immagini o fondi colorati che vanno sino al termine del progetto grafico e che in fase produttiva sarà poi presente sino ai bordi del lavoro, un ampliamento dell’area di lavoro che poi sarà rifilata) o dei rifili (appunto i segni dei successivi ritagli).


In molti casi ci vengono inviate richieste di preventivi con numeri di pagine non corrispondenti poi al file inviato (perché erroneamente si pensa che una pagina sia corrispondente a 2 facciate).



Ci sono così tanti errori che si possono facilmente evitare con i giusti consigli che abbiamo seriamente pensato ad un corso per tutti coloro che stanno pensando di autoprodursi il loro libro, o per chi lo ha già fatto ma non è rimasto soddisfatto del prodotto ottenuto.


Un corso organizzato a tappe dove accompagneremo l’autore ad approfondire ogni fase della realizzazione di un libro fotografico; dalla creazione del file stampa corretto, alla selezione della carta più idonea, alla scelta della confezione più adeguata, della giusta nobilitazione per impreziosire la copertina e, cosa da non sottovalutare, gli insegneremo a formulare la richiesta di un preventivo chiaro e a valutare l’offerta ricevuta.


A vostro parere e con la vostra esperienza quali dovrebbero essere le caratteristiche di base di un buon libro fotografico, mi spiego meglio, dovendo operare delle rinunce con un determinato badget quali dovrebbero essere i punti fermi per arrivare ad un buon prodotto?


Le immagini veicolano il messaggio dell’autore, per questo motivo, e senza ombra di dubbio, la priorità di importanza che va data è sicuramente la scelta della carta. Si può rinunciare ad una serigrafia sulla copertina, ad una confezione bodoniana o ad un cartonato cucito…ma sulla carta non si discute!


Per chi volesse approfondire l'argomento suggeriamo di iscriversi alla newsletter della Faservice in modo da rimanere aggiornato sui successivi tutorial tecnici offerti dall'azienda: https://www.faservice.it/contatti.php


Scarica questo pdf della Faservice all'interno del quale puoi trovare tutte le indicazioni necessarie per impostare correttamente i files di stampa delle tue immagini.


filestampa
.pdf
Download PDF • 2.05MB


Supporto alla realizzazione della tua pubblicazione


Chi volesse un supporto alla creazione e alla pubblicazione del proprio libro può contattarmi via email all'indirizzo zuccaccia@gmail.com. Inoltre tengo dei laboratori editoriali, sia per singoli che per gruppi di persone. Trovate maggiori informazioni sul mio sito web www.lucianozuccaccia.it

Logo-1.png
  • Facebook - Black Circle
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Youtube
  • Instagram

Giorgio Cosulich de Pecine | info@photocoach.it | +39 339 216 4847 | Roma | Italia

 

photocoach.it © 2020 Giorgio Cosulich de Pecine


Tutte le immagini e gli altri contenuti di questo sito web sono protetti in tutto il mondo dalle leggi internazionali sul copyright. Chiedi l'autorizzazione prima di utilizzare qualsiasi contenuto di questo sito web.

Contattatemi per ulteriori domande o richieste.

Trattamento dei Dati | Cookie Policy

training worksshop scuola corso fotografia coaching online reportage roma