L'immagine fantasma

€ 14,15

“Ciò che mi ha spinto a scrivere è stato il rimpianto per le foto sbagliate, le foto che non sono riuscito a scattare, che non ho potuto fare, che si sono rivelate invisibili, come fantasmi. Ho pensato di scrivere per ritrovare la stessa sensazione che volevo dare a quelle foto”. In un’intervista del 1981, Hervé Guibert – scrittore, giornalista, fotografo, critico per il quotidiano Le Monde – parlava così de suo libro, “L’immagine fantasma”, pubblicato ora per la prima volta in italiano. Volutamente privo di fotografie, “L’immagine fantasma” racconta il rapporto di Guibert con il fotografico: le sue prime immagini erotiche, un reportage sulla madre la cui immagine non verrà mail rivelata, il lento disfacimento di una foto destinata a consumarsi e a morire, e poi immagini fantastiche o intime al punto da diventare invisibili. Il libro non è un testo teorico ma una raccolta di storie che esplorano, attraverso le avventure personali, i diversi tipi di fotografia: familiare, di viaggio, le fototessere, le Polaroid, la fotografia pornografica o giudiziaria. Una scrittura intima e profonda, nata in una stagione di nuova attenzione verso la fotografia e quasi a commento de “La camera chiara” (1980) di Roland Barthes, di cui sembra una sorta di continuazione letteraria.